Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie ed eventi > ABC, ovvero 800 ragazzi a scuola di educazione stradale

ABC, ovvero 800 ragazzi a scuola di educazione stradale

06.04.2023

Cammina claudicando ma i lunghi capelli castani e la pelle luminosa parlano chiaro: non Ŕ un segno dell’etÓ, ma una ferita diversa. Lo racconta lei stessa ai suoi coetanei: un’auto condotta da un giovane distratto dal cellulare le ha strappato i genitori nel giorno della sua laurea e l’ha costretta a mesi di ospedale. Mentre le immagini scorrono sullo schermo, nel Palalevico di Levico Terme, i ragazzi - 700 circa in presenza e 90 collegati da remoto - stanno in silenzio. ╚ la forza dell’esempio, di una formazione fatta da chi - in varie vesti - vive sulla propria pelle esperienze simili tutti i giorni. E che ancora una volta Autostrada del Brennero e Polizia Stradale hanno coinvolto in "ABC Autostrada del Brennero in CittÓ", progetto didattico per la sicurezza stradale.

"Per un concessionario autostradale - ha esordito l’Amministratore delegato di Autobrennero Diego Cattoni - la sicurezza Ŕ una prioritÓ assoluta. Ogni anno quasi 3.000 persone perdono la vita sulla strada, come se un paese venisse cancellato dalla cartina geografica. Una realtÓ inaccettabile. Il progetto ABC, accanto agli investimenti in tecnologia, innovazione e manutenzione, Ŕ una delle strategie che Autobrennero mette in atto per fare la sua parte in questa battaglia con un obiettivo chiaro: arrivare a tassi di incidentalitÓ prossimi allo zero".

La giornata si Ŕ aperta con i saluti istituzionali. Presenti la Sovrintendente scolastica Viviana Sbardella, l’Assessore all’istruzione del Comune di Levico Patrick Arcais, l’Assessore all’istruzione, universitÓ e cultura della Provincia autonoma di Trento Mirko Bisesti e il Presidente della ComunitÓ di Valle Alta Valsugana Andrea Fontanari, mentre il Commissario del Governo Filippo Santarelli ha ricordato ai giovani, in un video saluto, che "alla vostra etÓ l’incidente stradale Ŕ la prima causa di morte: occasione di formazione come questa sono davvero preziose".

A dare il benvenuto anche i rappresentanti del Centro Operativo Autostradale di Trento con il dirigente Raffaele Federici e dei partner di ABC: Vigili del Fuoco del Distretto di Pergine con l’ispettore Mauro Oberosler, il Soccorso Alpino Trentino con il presidente Walter Cainelli, la Croce Rossa Italiana con il delegato di zona Rudi Dorigoni e l’Automobile Club Trento con il direttore Leopoldo Zuanelli Brambilla, che ha ricordato come la sicurezza - che le istituzioni rappresentano - parte da ciascuno di noi.

Quindi la parola Ŕ passata ai formatori di Autostrada del Brennero e della Polizia Stradale che hanno intervallato consigli pratici, da come informarsi prima e durante il viaggio in autostrada a cosa fare in caso di guasto al veicolo, con brevi filmati di incidenti avvenuti sulle autostrade e testimonianze correlate: i ragazzi hanno potuto toccare con mano come leggere un messaggio whatsapp, cambiare una canzone sul cellulare, mettersi alla guida dopo aver bevuto possa davvero essere fatale.

L’obiettivo di ABC Ŕ del resto quello di avvicinare gli studenti delle ultime due classi delle secondarie di secondo grado, prossimi alla patente, al codice della strada, offrire loro gli strumenti per una corretta valutazione del rischio e promuovere un comportamento responsabile quando si viaggia in autostrada. Attimi di commozione si sono intervallati ai commenti dei giovani, a dimostrazione di una partecipazione convinta, favorita dalla diffusione attraverso la piattaforma Kahoot! di un quiz sui temi trattati.

Nell’ultima sessione i ragazzi si sono spostati nel villaggio della sicurezza, allestito negli spazi esterni adiacenti al Palalevico. I partner dell’iniziativa hanno fatto vivere ai giovani, nelle varie postazioni, un frammento dell’esperienza di un incidente: dalla guida in stato di ebbrezza con gli occhiali speciali di A22, ai defibrillatori della Croce Rossa e del 118, dall’etilotest della Polizia Stradale ai mezzi dei Vigili del Fuoco fino alla simulazione di un recupero da parte del Soccorso Alpino e poi di un intervento su veicoli incidentati.

L’Automobile Club Trento era presente - con ACI Informatica, ACI Global e la propria scuola guida Ready2Go Manini - in tre postazioni: i ragazzi hanno potuto nella prima provare il simulatore di guida, nella seconda fare una vera e propria prova di guida e nella terza osservare da molto vicino il funzionamento di un carroattrezzi ACI.

Qui Ŕ possibile visualizzare il video dell’eventowww.youtube.com/watch?v=kUG5CMuw5zk